Premi "Invio" per passare al contenuto

Mese: Maggio 2021

Gli uccelli hanno dato a questo fotoreporter la speranza dopo la tragedia

Il mondo sembrava cadere a pezzi lo scorso marzo, ma il falco pescatore era in perfetto orario. Per il fotoreporter del Maryland Joshua McKerrow, la vista del rapace mangia-pesci che tornava al suo luogo di nidificazione lungo la baia di Chesapeake era un profondo promemoria che, anche se un nuovo virus ha causato il caos nel mondo umano, la natura si stava attenendo ai suoi ritmi abituali.

La pandemia è arrivata durante un capitolo particolarmente difficile della vita di McKerrow. Nel giugno 2018, un uomo armato ha preso d’assalto l’ufficio della Capital Gazette, il giornale di Annapolis dove McKerrow aveva lavorato per quasi 20 anni, e ha ucciso cinque dei suoi amici e colleghi. McKerrow, che era fuori a festeggiare il compleanno di sua figlia in quel momento, tornò alla redazione per aiutare a documentare l’orribile scena e a pubblicare il giornale del mattino successivo che copriva l’attacco.

In riconoscimento del loro coraggio e della loro dedizione, McKerrow e i suoi colleghi hanno ricevuto un encomio speciale del Premio Pulitzer. Erano anche tra il gruppo di giornalisti nominati Persona dell’anno dalla rivista Time nel 2018. Ma i riconoscimenti non hanno protetto McKerrow dal trauma di quel giorno, o dai tagli e dai consolidamenti che affliggono il giornalismo locale.

Nel febbraio 2020, la società madre del giornale, Tribune Publishing, ha offerto a McKerrow un buyout. Ancora alle prese con la tragedia della redazione, non sapeva quanto ancora potesse dare di sé al lavoro. McKerrow ha preso la difficile decisione di accettare l’offerta.

Poco dopo, la madre di McKerrow è morta di cancro al pancreas. “Poi, tipo due settimane dopo, COVID ha colpito”, dice. “Non avevo più il mio lavoro, mia madre non c’era più e mi stavo prendendo cura di mio padre”.

E poi è arrivato l’Osprey.

McKerrow, un padre single, era fuori in bicicletta con i suoi tre figli quando ha guardato in alto e ha visto l’enorme uccello appollaiato su una torre di metallo. “Stava mangiando un pesce e mi sono emozionato”, dice. “Mi è sembrato come un segno, sapete, che in questo momento c’è la vita, ci sono altre cose che accadono, e tutte queste cose che ci stanno accadendo sono piccoli dettagli in questo enorme mosaico complicato”.

L’istinto da fotoreporter di McKerrow è scattato. Ha preso la sua macchina fotografica e ha catturato il momento. Più tardi quel giorno, ha postato la foto sui social media. Il giorno seguente ha fotografato un pettirosso americano in cerca di vermi nel cortile e due picchi downy su un albero, e ha condiviso anche quelli. I successivi uccelli che hanno attirato la sua attenzione sono stati un passero domestico e una colomba del lutto. Ha twittato le foto con la semplice didascalia: “Gli uccelli di oggi”. Ha notato che la gente sembrava apprezzare le foto, così ha continuato a condividere immagini fresche sui social media ogni mattina.

Nel giro di una settimana o due, la gente mi mandava messaggi dicendo: “Grazie per averlo fatto, non vedo l’ora di farlo ogni giorno”. dice McKerrow. E con sua sorpresa, i messaggi non venivano solo dai suoi amici, ma anche da persone che non aveva mai incontrato.

Lo scorso gennaio, McKerrow ha lanciato una pagina di raccolta fondi Patreon per il suo progetto multimediale “Today’s Life”. Con l’aiuto dei suoi sostenitori, McKerrow ha intenzione di continuare il progetto a tempo indeterminato, e persino di espanderlo collaborando con altri fotografi e artisti.

Quello che è iniziato come un modo per elaborare il suo dolore è diventato presto un modo per lui di connettersi con gli altri durante un periodo di relativo isolamento. Una delle persone che lo hanno contattato è stata Jennifer Sheehan, una giornalista del The Morning Call di Allentown, Pennsylvania. Sheehan e suo marito hanno iniziato a nutrire gli uccelli nel loro cortile come un modo per passare il tempo durante l’isolamento, più o meno quando McKerrow ha iniziato a pubblicare le sue foto. Anche se lei e McKerrow non si sono mai incontrati, Sheehan ha sviluppato l’abitudine di ritwittare le sue foto con parole di apprezzamento.

“Le ritwitto ogni giorno perché voglio che la gente non solo veda il lavoro di Josh, ma anche che condivida la bellezza degli uccelli che cattura così perfettamente”, dice Meehan. “Gran parte del mio feed per l’ultimo anno è stato il virus, ciò che il nostro presidente stava facendo o dicendo, e altre notizie oscure o difficili. Vedere le bellissime foto degli uccelli di Josh era e continua ad essere il momento clou della mia giornata”.

Il progetto ha anche aiutato McKerrow a riconnettersi con uno dei suoi amici di famiglia di lunga data, James Gunsalus. Gunsalus ha trascorso molti anni a fare birdwatching sulla costa orientale prima di trasferirsi in California, così ha iniziato a inviare a McKerrow consigli di identificazione quando ha iniziato a postare foto di uccelli orientali. “All’inizio, quando postava, molte volte era solo: “Ehi, ecco un uccello!”. Dice Gunsalus con una risata. “Volevo davvero sostenere questo per lui”. Ha anche inviato al suo amico una copia di The Sibley Guide to Birds.

Come fotogiornalista, McKerrow ha cercato di mostrare l’umanità dei suoi soggetti. Come fotografo di uccelli, applica la stessa sensibilità, concentrandosi sul rivelare qualcosa della personalità di ogni uccello mentre va avanti nella sua mattinata. “Cerco di usare le mie capacità di ritratto”, dice. “Cerco di rendere quell’uccello in quel momento, quella mattina”.

“Ha iniziato ad arrivare al punto in cui conosce questi uccelli”, dice Gunsalus. “Raccontare storie è quello che fa, e questo gli fornisce una buona piattaforma per farlo”.

Non essendo in precedenza un mattiniero, McKerrow ha scoperto che essere in piedi per catturare ogni alba è l’unico modo sicuro per mantenere la sua routine di pubblicare nuove foto di uccelli ogni mattina. Questo, a sua volta, lo ha reso più in sintonia con il flusso e riflusso del giorno e il cambiamento delle stagioni. “Intellettualmente sapevo che la posizione dell’alba cambia di stagione in stagione, ma ora la vedo davvero”, dice.

Riorganizzare il suo programma intorno agli uccelli di ogni giorno ne è valsa la pena. “Sembra che non potrò mai più dormire fino a tardi, ma è un piccolo prezzo da pagare”, dice. “Mi ha quasi salvato la vita”.

Lascia un commento

Il fotoreporter turco vince un prestigioso premio internazionale

Şebnem Coşkun, un fotoreporter turco dell’Agenzia Anadolu (AA), ha vinto il primo premio nella categoria Natura e Ambiente e il premio finalista nella categoria Fotografo dell’Anno, Asia al Pictures of the Year (POY) Asia, un prestigioso concorso internazionale.

Coşkun ha vinto la categoria Natura e Ambiente con la sua immagine di un subacqueo circondato da rifiuti COVID-19 nel Mar Mediterraneo. Questa foto del sub turco Şahika Ercümen è stata scattata l’anno scorso nello stretto del Bosforo per sensibilizzare sull’inquinamento da plastica nei mari.

Parlando della sua foto, Coşkun ha detto che spera di attirare più attenzione sulla questione “che è responsabilità e problema di ogni individuo a livello globale”.

È stata anche finalista nella categoria Fotografo dell’anno, Asia, per la sua serie di foto “Asylum Seekers on Move to Reach Europe” e “Turkey’s COVID-19 Story”.

“Ho seguito i migranti nella provincia nord-occidentale di Edirne. È un grande piacere per me dare voce a queste persone e poter compiere il mio dovere professionale. Il processo è stato lo stesso per COVID-19”, ha detto.

Lascia un commento

Il fotoreporter del Bangladesh vince l’Istanbul Photo Awards 2021

Il fotoreporter del Bangladesh Mohammed Shajahan “Mom Love” ha vinto la foto dell’anno nel 7° Istanbul Photo Awards, un evento internazionale di fotografia di notizie organizzato dall’agenzia statale Anadolu (AA).

I vincitori del concorso di quest’anno sono stati annunciati lunedì.

La pandemia COVID-19 che sta devastando il mondo ha mostrato ancora una volta come i fotoreporter e i membri della stampa continuano a fare il loro lavoro con devozione in condizioni avverse. In questo periodo difficile, il concorso Istanbul Photo Awards continua a sostenere il settore.

I vincitori dell’Istanbul Photo Awards, che indica il successo dei premi essendo una piattaforma globale dove si sono registrati 12.000 fotografi nel suo settimo anno, sono stati scelti dalla giuria internazionale composta da figure prestigiose del mondo della fotografia.

La foto premiata del fotografo del Bangladesh Shajahan è stata selezionata tra quasi 15.000 voci presentate da diverse parti del mondo.

Nella categoria Notizie singole, il fotoreporter dell’Agence France-Presse (AFP) Yuri Cortez è stato trovato meritevole del secondo premio con il suo lavoro “Criminal Gangs in Custody”, in cui ha fotografato i prigionieri nella prigione di Quezaltepeque in El Salvador.

Il fotoreporter di AP Petros Giannakouris “Fleeing a Fire Burning Refugee Camp”, che riflette le difficoltà affrontate dai rifugiati in fuga da un campo profughi greco, è stato il secondo classificato.

Le fotografie di Cortez e Giannakouris hanno mostrato che anche nel mondo hanno luogo agende diverse.

Il fotoreporter della Reuters Goran Tomasevic, il fotoreporter dell’agenzia NOOR Yuri Kozyrev, la narratrice visiva Marion Mertens, l’ex direttore del Photo Business Development di AFP, Michel Scotto, autore e fotoreporter, Deborah Copaken, il capo fotoreporter sportivo di Getty Images, Cameron Spencer, il fotoreporter Ahmet Sel, il caporedattore delle notizie visive di Anadolu Agency, Hasan Oymez, e il photo editor di Anadolu Agency, Firat Yurdakul, hanno composto la giuria.

I membri della giuria hanno selezionato i vincitori attraverso una piattaforma che è stata progettata esclusivamente per il concorso dal team di Information Technologies di Anadolu Agency a causa della pandemia.

Per quanto riguarda il concorso, il presidente del consiglio di amministrazione e direttore generale dell’Agenzia Anadolu, Serdar Karagöz, ha detto che la pandemia COVID-19, che ha preso il mondo intero, ha rivelato ancora una volta le difficili condizioni in cui i fotoreporter e i membri della stampa continuano a fare il loro lavoro con devozione.

“L’agenzia Anadolu continua a sostenere il settore con tutta la sua forza attraverso gli Istanbul Photo Awards. Portando il concorso al livello successivo ogni anno, sosteniamo la fotografia che testimonia momenti di notizie”, ha detto.

Affermando che quasi 15.000 fotografie da diverse parti del mondo hanno partecipato al concorso, Karagöz ha aggiunto: “Circa 1.206 fotografi di 96 nazionalità diverse hanno partecipato al concorso con un totale di 14.740 fotografie”.

Ha notato che la qualità delle fotografie presentate è aumentata ogni anno, tanto che i membri della giuria hanno avuto grandi difficoltà a selezionare i vincitori. “Diventare una piattaforma dove 12.000 fotografi si sono iscritti alla settima edizione del concorso evidenzia la qualità di Istanbul Photo Awards. La nostra giuria – composta da nomi prestigiosi del mondo della fotografia – ha selezionato i vincitori su una piattaforma che abbiamo preparato appositamente a causa della pandemia. Ringrazio ognuno di loro per il loro contributo al concorso”, ha aggiunto.

Lascia un commento